L'ANPIL di S.Brigida, istituita dal Comune di Pontassieve nel 1997, si estende per poco più di 800 ettari: si colloca nella parte sud-occidentale del complesso montuoso del Monte Giovi, gruppo di media montagna, che raggiunge un'altezza massima di 992 m s.l.m., forma una catena preappenninica con andamento est-ovest e costituisce la porzione centro-orientale dello spartiacque tra il Mugello (a nord) ed il Valdarno (a sud).

L'area protetta è posta immediatamente alle spalle dell'abitato di Santa Brigida, ai limiti settentrionali del nostro Comune, a pochi chilometri da Firenze, e interessa i versanti meridionali ed occidentali del Poggio Ripaghera e Poggio Abetina, includendo, ad oriente, la fresca ed ombrosa Valle dell'Inferno.

Compresa fra un’altitudine massima di 914 metri e una minima di 400, l’area presenta diverse specie vegetali e arboree e una ricchezza considerevole di fauna selvatica. Il simbolo dell'A.N.P.I.L. è il Cistus Laurifolius L. (fiore della Madonna) che trova qui l’unica presenza in Italia e che in primavera rallegra il paesaggio con i suoi candidi fiori. Ad arricchire la bellezza della zona contribuiscono anche le burraie, una piccola eredità del passato, costruzioni in pietra dove fino alla prima metà del secolo scorso veniva preparato il burro.

All'interno dell'area si trova anche il Santuario della Madonna del Sasso, un complesso devozionale che getta le sue radici nelle profondità della storia.

Le escursioni all'interno dell'area protetta sono numerose, da facili adatte a tutti, anche ai bambini, a impegnative, in cui il dislivello e la lunghezza richiedono un allenamento alla camminata.


Accetto il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art.13 e l’art. 23 D.lgs. n. 196/2003.
Clicca qui maggiori informazioni
* Campi obbligatori


× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies Accetto